MINISTERO DELL' ISTRUZIONE

DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

 

 

UNIONE EUROPEA

FONDO SOCIALE EUROPEO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE

“STANISLAO CANNIZZARO”

Via Carlo Pisacane, 1 - Catania

www.cannizzaroct.it

 

Si comunica che questo Istituto è stato autorizzato ad attuare, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “La scuola per lo sviluppo” Misura 7- Azione 7.3,  il corso di formazione:“ DONNE E IMPRENDITORIALITÀ: L’IMPRESA DI FARE IMPRESA  

 

                                                                            CARATTERISTICHE DEL CORSO

Il corso è rivolto a n. 15 donne adulte.

Il corso è gratuito.

E’ previsto il Servizio Assistenza bambini,  per favorire  la partecipazione delle donne con figli.

La durata del corso è di 70 ore così articolate:

L'attività formativa avrà inizio nel mese di settembre-ottobre 2004 e si concluderà entro il 31 dicembre 2004.

Il corso sarà certificato da un Attestato e alla corsista sarà consegnato il Libretto Formativo, sul quale saranno registrate le competenze acquisite ed i crediti formativi maturati.

Qualora il numero di aspiranti risulti superiore a 20 si procederà alla selezione.

OBIETTIVI DEL CORSO

1. Il Bilancio delle competenze si configura come una azione di orientamento, finalizzata all’elaborazione di un personale progetto di vita e di lavoro nella prospettiva del lifelong learning.

 Attraverso il  bilancio di competenze s’intende sviluppare nelle corsiste:

a)      la consapevolezza delle proprie competenze e potenzialità spendibili in un progetto di inserimento professionale

b)      l’acquisizione di autonome capacità di autovalutazione, di  attivazione e di scelta

c)      lo sviluppo di  rappresentazioni appropriate del mercato del lavoro

d)      la costruzione di un proprio progetto professionale, anche  individuando percorsi  di formazione differenziata, coerenti con i progetti dei singoli

 

2. Gli obiettivi del Progetto formativo che si intendono perseguire mireranno in particolare a:

a)      offrire una visione chiara dello scenario socio economico di riferimento, mediante una analisi del fenomeno della crescita delle nuove imprese e delle caratteristiche distintive degli imprenditori;

b)      pianificare un percorso logico che porti allo sviluppo di un’attività imprenditoriale: come iniziare un’attività in proprio, i percorsi, le verifiche logiche da tenere presenti per non sbagliare;

c)      individuare le componenti essenziali di un piano d’impresa, della sua importanza nella pianificazione di una nuova attività;

d)      illustrare in dettaglio i percorsi pratici (Enti di riferimento, procedure da seguire, …) per avviare una attività autonoma ed acquisire le fondamentali indicazioni per scegliere tra le diverse forme giuridiche d’impresa, valutandone l’opportunità in relazione al tipo di attività ed alle implicazioni di tipo fiscale;

e)      analizzare le principali fonti del finanziamento aziendale.

f)        Acquisire competenze informatiche

 

Dall’iniziativa proposta ci si attendono i seguenti risultati:

a)      Accrescere nelle donne coinvolte la capacità di avviare e, successivamente, gestire lo sviluppo strutturale ed organizzativo della propria impresa

b)      Consolidare la capacità di gestione delle risorse umane

c)      Migliorare la capacità di sviluppare strategie di marketing

d)      Ottimizzare la capacità di negoziare per l’accesso al credito.

Più in generale, inoltre, i principali risultati mirano a far acquisire alle partecipanti una cultura d’impresa, a dare vigore e visibilità alle potenzialità del mondo imprenditoriale femminile, a far sì che le donne vivano la scelta imprenditoriale anche come un processo di autodeterminazione e di realizzazione di sé.

 

Catania lì,                                                                                                                                                                IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                                                                                                                     Prof. Salvatore Indelicato