Home Cannizzato.it Corso Serale ScuolaNet Aetnanet
 
 

  Test Center per

Aica-EQDL Cisco Networking Academy





Aica-ECDL Microsoft Office Specialist
 

  Scuola trasparente

· Albo Pretorio Digitale

· Amministrazione trasparente

· Codice disciplinare

· AVCP

· Organigramma gestione emergenze

· Sito OPENCOESIONE

 

  Orientamento

Orientamento
POF
 

  Scuola certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001

Scuola certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001
 

  Presentazione

· Scuola
· Ubicazione e descrizione
· Storia

· Organizzazione

· Dipartimenti

· Contatti

 

  Didattica

· Calendario
· Orario Classi Diurno
· Orario Classi Serale
· Orario docenti Diurno
· Orario docenti Serale
· Programmazioni didattiche docenti diurno
· Programmazioni didattiche docenti serale
· Libri di testo

 

  Collegamenti

· Home
· Corso serale
· ScuolaNext
· Aetnanet
· Sito OPENCOESIONE
· Centro Polifunzionale di Servizio
· Dipartimento di Chimica
· Dipartimento di Informatica
· WebTV ed e-learning

· SchoolBook

· Progetto EEE al Cannizzaro

 

  Segreteria

· Modulistica
· Tasse scolastiche
· Graduatorie d'Istituto

 

  Focus

· Consorzio Aetnanet
· Centro Polifunzionale di Servizio
· Rete TSSS

· Rete ENIS

· Scuola ASAS

· MSDN Academic Alliance

 

  Testata a rotazione


Attività integrative
[ Attività integrative ]

·L’ITI Cannizzaro al “Science Centre Immaginario Scientifico” per fare didattica
·L’ITI Cannizzaro visita l’acciaieria “ABS” e l’azienda “Danieli” di Udine
·“Isolanti naturali ecologici”
·Concluso il progetto di educazione ambientale 'Dentro il vulcano'
·L'ITI Cannizzaro di Catania alla Corri Catania 2015
·Progetto educazione ambientale ''Dentro il vulcano''
·Resoconto visita al CERN di Ginevra
·Tre giorni da “musical”
·Campagna analisi dell’olio
 

  Archivio News

Seleziona il mese da vedere:


[ Mostra tutti gli articoli ]
 

 
  Progetti: Telescopio a raggi cosmici all’ITI Cannizzaro
Postato il Martedì, 16 settembre 2008 ore 19:29:56 CEST di r-bonaccorso
 
 
  Attività integrative

Mentre a Ginevra lo scorso 10 settembre, il grande acceleratore LHC del CERN faceva restare tante persone con il fiato sospeso, all’interno di un locale dell’ITIS S. Cannizzaro veniva acceso per la prima volta il telescopio di muoni cosmici del progetto Estreme Energy Events (EEE), diretto dal prof. Antonino Zichichi.

Alla presenza del prof. Francesco Riggi del Dipartimento di Fisica dell’Università di Catania, referente locale del progetto, della dott.ssa Paola La Rocca e dal prof. Antonio Atalmi, referente scolastico del progetto e studenti, il telescopio EEE, un sofisticato rivelatore di particelle – i muoni -che vengono originate nelle collisioni tra raggi cosmici di altissima energia provenienti dallo spazio e atomi dell’atmosfera terrestre, ha iniziato a funzionare tra la soddisfazione di tutti i presenti.



Questo risultato giunge dopo tre anni di attività, fortemente sostenuta dal dirigente scolastico prof. Salvatore Indelicato, che hanno visto la scuola catanese impegnata in questo ambizioso progetto nazionale, a partire dalla realizzazione nel marzo 2006 presso il CERN di Ginevra, delle tre camere del telescopio ad opera di un gruppo costituito dai prof. Antonio Atalmi e Martino Rapisarda e da tre studenti. Negli due anni successivi un gruppo di una decina di studenti ha partecipato a vari stage presso il Dipartimento di Fisica e la locale sezione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e alle fasi di installazione e test dei vari componenti dell’apparato.

Nella primavera di quest’anno il telescopio è stato installato presso un locale della scuola appositamente attrezzato, grazie anche al fondamentale contributo del personale tecnico e amministrativo della scuola che ha saputo dare soluzioni ai vari problemi via via incontrati.

Il progetto EEE è un’iniziativa del Ministero della Istruzione, Università e Ricerca (MIUR), che coinvolge alcuni centri di ricerca di altissimo prestigio scientifico, quali l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e il Centro Europeo di Ricerca nucleare (CERN) e vede attualmente l’adesione di circa 25 scuole superiori distribuite su tutto il territorio nazionale, coordinate dal Centro Enrico Fermi di Roma. Il suo scopo è realizzare un grande network di rivelatori di muoni cosmici, connessi tramite il sistema GPS, attualmente in fase avanzata di realizzazione.

Ora finalmente il telescopio EEE del ITI Cannizzaro, il primo installato presso una scuola in Sicilia, ha iniziato la sua fase operativa e ricercatori, insegnanti e studenti sono nell’attesa dei primi dati da analizzare.

Nei prossimi mesi lavorerà in modo continuo, 24 ore al giorno, alla sua duplice missione: fornire informazioni su eventi estremamente energetici e rari che permettano agli scienziati di comprendere i tanti misteri ancora aperti sull’origine dei raggi cosmici di altissima energia. E dare l’opportunità agli insegnanti e ai loro studenti di toccare da vicino l’emozione e lo spirito della ricerca e della cultura scientifica: non è un obiettivo da poco in una società come la nostra ad alto rischio di “Hiroshima culturale”.

Catania 10.9.2008

     

 
 
  Links Correlati

· Inoltre Attività integrative
· News by r-bonaccorso


Articolo più letto relativo a Attività integrative:
Autorizzati 27 progetti PON

 

  Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

  Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico

 


 
 

powered by PHPNuke - created by Mikedo - designed by Clan Themes


| Torna Su | Home Page | Documenti |