Gli allievi del corso IFTS visitano la “Fattoria della Piana” un’azienda totalme
Data: Mercoledì, 22 maggio 2013 ore 21:27:13 CEST
Argomento: Attività integrative


Gli allievi del corso IFTS visitano la “Fattoria della Piana” un’azienda totalmente ecosostenibile.
La Fattoria della Piana, in provincia di Reggio Calabria, raggruppa allevatori di tutta la regione Calabria e produce ottimi formaggi freschi, formaggi a pasta filata e formaggi pecorini.
I formaggi sono il frutto della lavorazione artigianale del latte proveniente dagli allevamenti cooperativi ovini e bovini alimentati su pascoli naturali e con erbe e foraggi selezionati. Il settore più interessante dell’azienda è la centrale di produzione di biogas, un impianto tecnologico che consente alla Fattoria di essere energeticamente autonoma e totalmente ecosostenibile.


La centrale, con una potenza elettrica di 998 kW, è la più grande centrale agroenergetica del Centro e Sud Italia. Il letame e il liquame provenienti dalle stalle, unitamente al siero che rimane come residuo dalle lavorazioni del caseificio, vengono raccolti in due fermentatori, all’interno dei quali, grazie alla tecnologia di miscelazione e riscaldamento, avviene un processo di fermentazione anaerobica che produce biogas, un gas biologico che contiene una percentuale del 55% di metano. La centrale è in grado di valorizzare gli scarti provenienti da letame e siero di latte bovino, pastazzo e scarti della lavorazione degli agrumi provenienti dalla Sicilia, sansa, scarti di verdura, vinaccia esausta.
Il biogas così prodotto viene bruciato in un cogeneratore, un motore che produce energia elettrica ed energia termica. L’energia elettrica prodotta è in grado di soddisfare il fabbisogno di circa 2000 famiglie e l’energia termica viene utilizzata per i processi produttivi del caseificio, consentendo di risparmiare combustibili fossili.
Attraverso il processo di fermentazione e la combustione del biogas, tutti gli scarti agricoli vengono trasformati in un’importante fonte energetica, mentre i resti della fermentazione diventano concime organico per le coltivazioni di foraggi, che alimenteranno poi gli allevamenti.
I reflui dell’azienda vengono poi depurati attraverso un impianto di fitodepurazione. L’acqua depurata così può essere riutilizzata per irrigare i campi.
La Fattoria della Piana è un vero e proprio ecosistema autosufficiente, capace di produrre energia dagli scarti dell’industria agroalimentare e zootecnica, e di fornire una opportunità di smaltimento e di valorizzazione di biomasse che da rifiuto possono diventare risorsa e ricchezza per la nostra terra.
L’impianto è l’unico digestore anaerobico presente nel Sud Italia; gli allievi del corso IFTS “Tecnico superiore per il monitoraggio ambientale”si chiedono perché strutture del genere non vengono realizzate in Sicilia, regione a vocazione agricola, che smaltisce i propri rifiuti organici ( pastazzo e sansa) conferendoli in un digestore, localizzato a Rosarno, che trasforma il rifiuto in un’importante fonte energetica.

Prof.ssa Angela Percolla

 

 


 







Questo Articolo proviene da Istituto Tecnico Industriale "S.Cannizzaro" di Catania
http://www.cannizzaroct.it

L'URL per questa storia è:
http://www.cannizzaroct.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1325